Immagine
 

Domande frequenti

Teleriscaldamento

E’ disponibile il numero verde 800 933387, attivo 24 ore su 24.

Dal 1 gennaio 2020 abbiamo realizzato una bolletta più pratica, più semplice e più chiara, nata per rispondere alle tue domande, all'interno della quale troverai suggerimenti per risparmiare e analizzare i tuoi consumi e una grafica più innovativa e colorata.

Scopri come leggerla

E’ possibile inoltrare qualsiasi richiesta di informazioni direttamente dal sito di A2A Calore & Servizi compilando l’apposito form unico di contatto o utilizzando i canali di cui alla pagina Contatti.

E’ possibile allacciarsi al teleriscaldamento anche in caso di impianti predisposti per la produzione di acqua calda sanitaria.

La rete di teleriscaldamento fornisce calore 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno, pertanto non vi sono limiti di prelievo di calore dalla rete.

Rispetto alla caldaia tradizionale, la cui accensione è limitata alla stagione termica e il cui funzionamento giornaliero è limitato ad un numero massimo di ore, in genere 14, il teleriscaldamento offre un funzionamento continuo, avendo così la possibilità di impostare un’attenuazione della temperatura degli ambienti anche durante la notte.

Il teleriscaldamento sostituendo la caldaia tradizionale non altera difatti l’impianto idraulico dell’edificio che non richiede, pertanto, alcuna modifica.

Il teleriscaldamento sostituisce l’attuale caldaia rendendo difatti non più necessaria il mantenimento della stessa.

La fatturazione dei consumi di calore prelevato dalla rete di teleriscaldamento è effettuata di norma con periodicità mensile in base alla lettura del contatori di calore.

Se per qualsiasi causa non fosse possibile disporre della lettura dei misuratori in tempo utile per la fatturazione, il Fornitore può effettuare la fatturazione sulla scorta di letture stimate e salvo conguaglio.

La misurazione dei consumi di calore prelevato dalla rete di teleriscaldamento avviene mediante contatori installati da A2A Calore e Servizi, che ne mantiene la proprietà e ne cura la gestione e la manutenzione.

La lettura dei contatori avviene almeno sei volte l’anno, fatta salva la facoltà di letture supplementari e diverse prescrizioni emanate dalle competenti autorità.

Con il teleriscaldamento, la tradizionale caldaia viene sostituita da un semplice scambiatore termico che trasferisce il calore prelevato dalla rete di teleriscaldamento all’impianto di distribuzione interna dell’edificio, con la possibilità di produrre anche l’acqua calda per uso igienico sanitario.

La cogenerazione è la produzione di energia elettrica e calore durante il medesimo ciclo produttivo e con la stessa quantità di combustibile.

Attualmente è una delle tecnologie più efficaci ed efficienti per l’uso razionale dell’energia e la riduzione dell’inquinamento atmosferico.

A2A Calore e Servizi è la società del Gruppo A2A che progetta e gestisce da oltre 40 anni i sistemi di teleriscaldamento nelle aree di Milano (con Sesto San Giovanni, Cassano d’Adda, Novate Milanese, Cinisello Balsamo), Brescia (con Concesio, Bovezzo) e Bergamo.

Il teleriscaldamento presenta numerosi vantaggi per il cliente e per la città: i) nessuna necessità di cisterne, caldaie e canne fumarie ii) assenza di combustione e fiamme libere nei locali caldaia iii) riduzione dei costi di esercizio e manutenzione rispetto agli impianti termici tradizionali iv) garanzia di continuità del servizio e assistenza, 24 ore su 24, sugli impianti e sulla rete v) miglioramento della qualità dell’aria attraverso la riduzione delle emissioni di sostanze inquinanti e gas ad effetto serra vi) significativo risparmio energetico e minor consumo di fonti primarie di energia di origine fossile.

Il protocollo di Kyoto indica il teleriscaldamento tra gli strumenti più efficaci per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica. Già oggi le più recenti normative a livello europeo e nazionale ne riconoscono la validità obbligando le nuove costruzioni, che distano meno di un chilometro da una rete di teleriscaldamento, a progettare e predisporre i propri impianti per essere alimentati dal calore distribuito dalla rete (Direttiva 2002/91/CE, recepita dal D.Lgs. 192/05 e s.m.i.)

Il teleriscaldamento è un sistema di produzione centralizzata di calore che viene distribuito direttamente alle utenze mediante una fitta rete di doppie tubazioni interrate.

Grazie al teleriscaldamento cisterne, caldaie e canne fumarie degli edifici non sono più necessarie.

Al loro posto c’è un semplice scambiatore termico che trasferisce il calore prelevato dalla rete agli ambienti da riscaldare.